Dream Team

Quello dei massaggi è forse uno dei momenti più intimi nella vita sportiva di un ciclista. Sono le ore passate lontano dal fragore e dalla tensione della corsa. Tutto il resto fuori, o quasi. Dentro resta il profumo dell’olio, le mani tra nervo e nervo per sciogliere le cose andate male, la fatica, la stanchezza,…

Continua a leggere

National Anthem

Dalla superstrada si vedono le montagne di Lecco: semilimpide in una giornata che era cominciata male e che forse doveva continuare peggio. Invece l’aria si è fatta più mite e c’è questo timido sole di ottobre che fa sembrare il primo pomeriggio l’ora del tramonto. E’ la vigilia dell’ultima Classica della stagione. Nella hall quasi…

Continua a leggere

About Silvan.

Luino e questa sua piccola frazione dolcemente tormentata dalla risacca tranquilla del pomeriggio. Il lago e quella striscia di luccichii dorati dell’ultimo sole. L’hotel dove questa notte dormiranno i ragazzi BMC ha le persiane azzurre e i muretti antichi che ascoltano il respiro dell’acqua da chissà quanto tempo. Trovo Silvan Dillier seduto ad un tavolino…

Continua a leggere

Inside the heart

Le selle gocciolano di pioggia, le biciclette appese nell’attesa si specchiano male nelle pozzanghere mai ferme. Sotto i tendoni c’è il rumore dei rulli, tutt’attorno il brusio della gente che guarda, con gli ombrelli uno sopra l’altro. La Lotto Soudal è abituata a questo tempo da Belgio. Sui rulli c’è Sander Armee con la divisa…

Continua a leggere

In piedi sui pedali.

Il rapporto tra uno scalatore e la salita ha un non so che di mistico che è sempre difficile indagare, forse anche comprendere. Quando sale, la strada fa male, ti spacca le gambe, ti senti il respiro a metà all’improvviso. Come può esserci amore in tutto questo? Edoardo Zardini che ha sangue di scalatore nelle…

Continua a leggere

On the road

 Chi viaggia davvero cammina dentro sé stesso Ammetto che quando ho visto Taneli Jonataan Roininen per le strade della Liguria, durante il Trofeo Laigueglia, non sapevo nemmeno chi fosse. Ma l’ho fotografato, come faccio spesso quando qualcosa o qualcuno mi colpisce. Cappellino, barba rossiccia e una bicicletta con due borsoni. Un viaggiatore. Ho scoperto tutto qualche…

Continua a leggere

Compagni di stanza.

Forse una delle prime cose che un ciclista deve sapere è che ciclista lo si è sempre. Esistono giorni di riposo ma la bicicletta continua ad essere ininterrottamente un prolungamento del corpo. Anche quando gli scarpini non sono infilati nei pedali e il telaio riposa in garage. Fortuna che questo è uno sport individuale e…

Continua a leggere