Stand by me

Ci ha pensato il vento a spazzar via tutto stanotte, a lasciare questo cielo azzurro, a far finta che non sia ottobre con i ciclamini colorati fuori dalle vetrine dei fioristi e Città Alta sullo sfondo, già nel sole. Lo so come va questa corsa, come sono le mattine tra la luce e l’ombra, dove…

Continua a leggere

Nel bene e nel male

I campi ingialliti dalla mietitura sembrano una specie di sfondo teatrale in questo sole pallido di quasi autunno con il cielo grigio azzurro di fine stagione. L’autunno sta macchiando a poco a poco le colline imbevute di foschia, l’odore di settembre morente si mischia con quello delle rose che vengono dai giardini. Superga è lì…

Continua a leggere

Stairway to heaven

A Giò. Sembra quasi di sentirli ancora, bambini che corrono sul pavimento di graniglia della vecchia colonia Agip, con le vetrate grandi che guardano sulla spiaggia lunghissima e il mare lontano. Ci entra il sole della mattina appena velato, come i bar di provincia. E’ grigio azzurra l’acqua, gli stabilimenti deserti, gli ombrelloni chiusi, la…

Continua a leggere

I giostrai

E’ lì in una stradina secondaria della zona industriale, tra i capannoni e un maneggio. Sembra uno di quei carrozzoni dei giostrai direttamente dagli anni Settanta e uno si chiede anche per quale strano sortilegio sia stato catapultato lì, con la sua veranda, le tendine di pizzo ai finestrini. Surreale. Come spesso è la Brianza.…

Continua a leggere

Il veliero

Sono strane le rotonde qui, tutte smaltate e colorate da pezzi di mosaico irregolari come quei frammenti di vetro che cantilenano appesi ai fili degli scacciaspiriti. Stelle marine e delfini e conchiglie come in un racconto per bambini. E un veliero che combatte con le onde agitate di cemento e tasselli bianchi e blu nell’afa…

Continua a leggere

L’essenziale

La strada che da Barcellona porta a Tarragona è come una highway tra le colline gialle di agosto bruciate dal sole dell’estate spagnola. Il mare a tratti, una striscia azzurra contro il cielo azzurro. Nessuna nuvola, ventisei gradi che diventano trentuno. E un’aria che sa di salino, di quei pomeriggi che passavi a salire dalla…

Continua a leggere