Freccia nel vento

Il vento è caldo e pettina le campagne così verdi nel sole del tardo pomeriggio. Ho la sensazione di essere stata catapultata qui da una navicella in una galassia lontana. Penso che qui, esattamente qui, volevo starci da anni e adesso mi sembra una cosa normale. Succede sempre. Certe volte pensiamo che le cose siano…

Continua a leggere

Heart-beat

A un soffio, nella canalina a fianco della transenna come equilibristi, tutta la polvere negli occhi che si alza in nuvole come segnali di fumo da un luogo sacro a un altro luogo sacro. La schiena del muro è asciutta, taglia in due il fango della campagna che la pioggia ha impastato la scorsa notte…

Continua a leggere

Lunapark

L’amore è una quiete accesa. Il waffle caldo mi si scioglie in bocca insieme al caramello e al cioccolato e alla panna. Sabato prima della corsa, senza essere atleti, senza seguire la dieta o una rotta. Ha piovuto e adesso escono strisce di azzurro e di sole tra le nuvole bianche. A Kortrijk c’è il…

Continua a leggere

Hell is living without you

Un uomo vale quanto le cose che ama. Le mucche bianche come il cielo, la faccia lavata di pioggia del Belgio, il vento che porta aria di niente, come fosse aria di casa. Tornare, una parola così semplice, forse una delle mie preferite, perché io di mancanza ci muoio. Stavolta è diverso però, stavolta non…

Continua a leggere

Un’opera

L’opera lirica è quel posto dove un uomo viene pugnalato e, invece di morire, canta. Leopold Fechtner Aria Mio nonno aveva gli occhi azzurri. Un po’ come questo squarcio di cielo azzurro improvviso fuori da una galleria, sopra la riga perfetta dell’orizzonte quando il mare è blu e sgombro dalle nuvole. A volte mi sembra…

Continua a leggere

Fuori soglia

Le colline sono immerse nella foschia della mattina piovosa. Così grigio il cielo, così verdi i prati che separano un casolare dall’altro, alti fra le Crete, vegliati dai cipressi neri come guardiani. Sotto a un ponte c’è un fiume gonfio e rabbioso, colore dei fossi nelle giornate peggiori, un borgo quasi deserto e un volo…

Continua a leggere

Nevermind

Sette e trentadue. L’alba di una domenica immersa nel silenzio coi minuti scanditi dalle onde larghe del mare sulla battigia grigia e fredda della notte. Il sole spunta puntuale come un fungo, lacrima al contrario scesa dall’orizzonte azzurrino. Sopra l’isola passano due gabbiani muti. Sia lodata la bellezza del silenzio dopo la confusione. La Liguria…

Continua a leggere