Stella della sera

C’è un tramonto che sembra un incendio là sull’orizzonte. Le sagome delle palme già scure contro il cielo ancora chiaro per metà danno l’illusione di essere in una specie di spiaggia tropicale lontano da tutto. Che se le guardi, le spiagge della Versilia, non ci credi che al mondo possa esserci tanto spazio. Sono immense.…

Continua a leggere

Never stop loving you

“Questa è la notte, e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno, eccetto  la mia stessa confusione.” (Jack Kerouac) Milano vista così, la periferia che scivola via dal finestrino con le sue luci del sabato sera e uno scroscio di pioggia improvvisa a rendere l’asfalto lucido. Il gasometro, la Bovisa e l’odore di…

Continua a leggere

Così lontano, così vicino

“Per chi ci ha messo il cuore e altrettanto cuore non ha trovato.  Siamo qui con voi e, nonostante tutto, come voi siamo vivi.” (Giorgio Faletti) La spiaggia di Copacabana è così lontana da quel tuo giardino dove razzolano le galline nell’aria quieta prima del tramonto. Il Belgio è dall’altra parte del mondo. Eppure, alle…

Continua a leggere

Tra silenzio e tuono

C’è il solito bar sotto i portici che si affacciano sulla piazza con il bancone lucido e rigorosamente al buio, con le crostatine alla cioccolata e alla marmellata sottovetro, il pavimento in mattonelle di graniglia, e le piante finte sul paravento prima del bagno. Romanengo è un piccolo paese circondato dalla campagna tutta uguale, verde…

Continua a leggere

Flanders 100 | La corsa

Bruges è ancora grigia di pioggia, le case si specchiano nel canale immobile. Una scia di tre papere si porta via quell’immobilità per un momento. Dalle vetrine dei caffè si vedono le luci sui tavolini che sembrano candele. Fa uno strano effetto. Vorresti chiedere una brioches e sederti a scrivere mentre fuori c’è il silenzio…

Continua a leggere

Il sole tramonta a ovest

La Versilia fuori stagione è magica e surreale. Gli stabilimenti bianchi, deserti come il lungomare. Le spiagge infinite sulle quali le onde spumeggiano lentamente e costantemente in larghe conchiglie  che si disegnano e poi spariscono. Il contorno per ultimo, assorbito dalla sabbia.  Il resto, forse, se lo riprende il mare. Respiri. La cronometro è un…

Continua a leggere