Boulevard of Broken Dreams

Anno 2019, marzo. Scrivo dal gate 12 dell’aeroporto, non so neanche se sia il mio in realtà, visto che mancano tipo tre ore al volo di ritorno e io – dicevo – sto scrivendo su quelle inutili pagine che mettono sempre alla fine di ogni libro. Il libro naturalmente è di Jack Kerouac e, per…

Continua a leggere

Alfabeto 2018

ARENBEEERG – Io e la mia amica Miky l’abbiamo trovata in un Tiger di Roeselare. Nera in mezzo a tutte le bianche, ci guardava implorandoci di liberarla dalla schiavitù del consumismo pasquale e portarla con noi. L’abbiamo adottata e battezzata subito Arenbeeerg – come la foresta, naturalmente –  e da lì abbiamo scoperto che era…

Continua a leggere

Lunapark

L’amore è una quiete accesa. Il waffle caldo mi si scioglie in bocca insieme al caramello e al cioccolato e alla panna. Sabato prima della corsa, senza essere atleti, senza seguire la dieta o una rotta. Ha piovuto e adesso escono strisce di azzurro e di sole tra le nuvole bianche. A Kortrijk c’è il…

Continua a leggere

Fenice

Non so neanche quante ore è che sono qui e ho la strana sensazione di essere a casa. Come se niente fosse successo, come se il tuffo nelle nuvole sopra il Belgio fosse stato il varco per un’altra dimensione. Di nuovo quella. L’orizzonte piatto con gli alberi neri e spogli contro il cielo bianco, di…

Continua a leggere

Così lontano, così vicino

“Per chi ci ha messo il cuore e altrettanto cuore non ha trovato.  Siamo qui con voi e, nonostante tutto, come voi siamo vivi.” (Giorgio Faletti) La spiaggia di Copacabana è così lontana da quel tuo giardino dove razzolano le galline nell’aria quieta prima del tramonto. Il Belgio è dall’altra parte del mondo. Eppure, alle…

Continua a leggere