Quando fiorisce la ginestra

Le nuvole nere si ammassano sopra Castelfidardo stringendolo in una morsa mentre le case di mattoni antichi restano imbevute di sole come l’ultimo baluardo prima della tempesta. Tutt’attorno ci sono le chiazze gialle di quelle che sembrano ginestre. Crescono ovunque, ancora più vivide per merito del temporale imminente. Sull’ultimo bivio del muro sventolano le bandiere…

Continua a leggere

Guiding Light

Uno scoiattolo nero a bordo strada saltella via verso la valle che scende a picco verso la gola selvaggia. Le nude rocce vegliano la strada che sale a curve tra i pini e l’acqua di una piccola diga color turchese. Non c’è una nuvola. La neve sul Gran Sasso è a tratti di un bianco…

Continua a leggere

Il Santo delle cose perdute

Mangio la tredicesima caramella mentre là fuori si consuma una classica telenovela italiana tra poliziotti. Le ammiraglie sono in coda prima di un bivio dove c’è il tipico bar dei crocevia che probabilmente è stato uno storico punto di riferimento per i bianchini mattutini dei viaggiatori solitari. Oggi è soltanto un Tabacchi nel mezzo del…

Continua a leggere

Il raggio verde

Un tipo coi rollers sfreccia sul lungomare sempre più bianco, ancora più bianco fuori stagione, quando la sabbia ha il tempo di depositarsi sulle cose come in quelle grandi ville chiuse d’inverno, con il sole  che entra ad illuminare i grandi teli bianchi sopra i divani e gli specchi. La luce della Versilia è identica…

Continua a leggere

Quando il sole tornerà

Google devia il percorso senza che io glielo abbia chiesto. Esco ad Arenzano per evitare l’ennesimo rallentamento sul bivio per Milano mentre l’orizzonte è una linea blu diritta che separa il cielo dal mare, nella loro ultima eterea luce. Mi chiedo perché cazzo sia finita in un’altra stupida coda di quaranta minuti lungo la costa.…

Continua a leggere

Angeli nel vuoto

Casa, ore 22.00. Una sera di dicembre.Fuori c’è il silenzio irreale che preannuncia la neve. Ho pensato a cosa scrivere per giorni, è per questo che non mi piacciono i bilanci. Avevo inventato l’alfabeto per finire l’anno ridendo e ricordandomi quello che era stato importante ma neanche quest’anno mi sento di riempirlo.Qui di fianco a…

Continua a leggere