CX STORIES | Silvelle

Lungo le vie diritte che attraversano i campi che luccicano ancora ghiacciati dalla notte ci sono case separate dai fossi, piccoli ponti e cancelli di ferro battuto, giardini ben curati e persiane azzurre, verdi. Di tanto in tanto c’è una rotonda e poi una chiesa, sempre con lo stesso alone di deserto attorno. E’ strano,…

Continua a leggere

Rock’n’roll Robot

Qualche nuvola bianca come una spumiglia sbuca dalle montagne, il cielo è azzurro. Davano temporale, lo davano dalle undici e adesso qualcuno prega che non si avveri la previsione delle quindici. Meglio che non dico quello che avrebbe detto mio nonno, rigorosamente in dialetto come tutti i proverbi migliori. Intanto è mezzogiorno quasi spaccato e…

Continua a leggere

Buonasera Italia.

L’Hautacam oggi faceva paura. L’ultima e terribile tappa di montagna con l’arrivo a quasi milleottocento metri di quota dopo aver sopportato i duemila del leggendario Tourmalet. Con il suo nome duro, secco, sembrava quasi un avvertimento. Per tutti. Per quelli che lottano per un gradino del podio, per quelli che cercano la vittoria di tappa…

Continua a leggere

Carpe diem.

Mancano pochi chilometri al traguardo. Dietro, i corridori si sono lasciati una strada interminabile, piena di gente che li applaudiva: un cordone umano infinito, ininterrotto. Si sono mangiati senza troppo entusiasmo una tappa disegnata da una penna creativa che ci ha illuso di poter vedere una piccola Liegi, una corsa da un giorno combattuta e…

Continua a leggere