Il sole tramonta a ovest

La Versilia fuori stagione è magica e surreale. Gli stabilimenti bianchi, deserti come il lungomare. Le spiagge infinite sulle quali le onde spumeggiano lentamente e costantemente in larghe conchiglie  che si disegnano e poi spariscono. Il contorno per ultimo, assorbito dalla sabbia.  Il resto, forse, se lo riprende il mare. Respiri. La cronometro è un…

Continua a leggere

A casa

Il Belgio ha due facce, una di pioggia e una di sole. In tutti e due i casi, le sue abitazioni quasi tutte uguali con gli infissi bianchi il più delle volte, diventano più vivide. Il loro rosso cambia eppure mantiene l’essenza con quella luce che, in fin dei conti, è ancora bianca. Con la…

Continua a leggere

Fammi sorridere

Un braccio che sanguina, rivoli rossi che scorrono come piccoli fiumi fino alle dita, il pantaloncino strappato e la carne viva che pulsa lucida nel sole bruciante del pomeriggio. Jean Christophe Peraud è rotolato a terra su quell’asfalto a grana grossa di certe autostrade. E’ il Tour, sono le cadute. E’ il Tour, appunto. Qua…

Continua a leggere

About Silvan.

Luino e questa sua piccola frazione dolcemente tormentata dalla risacca tranquilla del pomeriggio. Il lago e quella striscia di luccichii dorati dell’ultimo sole. L’hotel dove questa notte dormiranno i ragazzi BMC ha le persiane azzurre e i muretti antichi che ascoltano il respiro dell’acqua da chissà quanto tempo. Trovo Silvan Dillier seduto ad un tavolino…

Continua a leggere