Sorrisi, batticuori, paure. Il Giro delle Fiandre di quest’anno, orfano del leggendario Grammont, ha riservato una sorpresa dopo l’altra. Il favorito numero uno, Fabian  Cancellara, ha, sfortunatamente, dovuto dire addio alle sue ambizioni persino per la Parigi – Roubaix, abbandonando la corsa con una clavicola fratturata. Stessa sorte è toccata a Sebastian Langeveld (GreenEdge) che si è scontrato con uno spettatore, mentre tentava di risalire il gruppo. Luca Paolini ha brillato con il suo scatto in cima all’Oude Kwaremont e Peter Sagan, altro prediletto di giornata, non è riuscito, nonostante la grinta e la testa dura a rientrare sui tre fuggitivi degli ultimi chilometri. Le carte sono cambiate, si sono rimescolate, come in un caleidoscopio ma il risultato non è cambiato: i belgi aspettavano Boonen e Boonen è stato.

Ma la linea del traguardo è una cosa, la corsa è un’altra.

Quando Alessandro Ballan, sul Kwaremont, scatta, c’è, nell’aria lo stesso clima di quando un italiano segna un goal alla finale dei mondiali. Vedere Ballan in testa, sul tappeto incerto del pavè, con le braccia e le gambe tremanti per la sollecitazione, fa alzare dalla sedia, dal divano, fa incollare alla televisione. Alessandro continua da solo, tra le ali di folla che si ammassa lungo il percorso, e dietro di lui parte un meraviglioso Filippo Pozzato. Tra le bandiere gialle con il leone nero delle Fiandre si fanno largo due italiani e, a ruota, c’è Tom Boonen. Sull’ultimissimo strappo di pavè, Pozzato sembra pedalare sulle nuvole: la caduta è lontana, la grinta gli si legge in faccia. E Boonen sembra stanco, fa fatica e c’è una smorfia di sollievo, sul suo volto, quando la strada spiana. E’ quel tratto finale che frega Alessandro e Filippo: non riescono a sfiancare il belga della Omega – Quick-Step e il risultato è tremendo da mandare giù. Sul podio sì, ma né giallo fluo, né rosso fuoco sul primo gradino.

Come sempre, le lodi sono per i vincenti e le critiche per i perdenti. Ma, oggi, nonostante tutto, nonostante quello che, secondo i pulpiti, si poteva o doveva fare, l’Italia  è stata, comunque, protagonista. Alessandro Ballan e Filippo Pozzato hanno sorpreso ed emozionato. “Chapeau” lo dico a loro perché il cuore non mi è balzato in gola quando ho visto la linea del traguardo ma quando Ballan ha attaccato sull’ultimo muro, quando Filippo ha “menato” le gambe sul pavè polveroso e spigoloso. Quando questi ragazzi veneti che sanno rialzarsi dopo le cadute, che sanno di poter dare tanto al ciclismo, di poterlo dare con il coraggio e con le gambe, hanno brillato sotto l’insolito sole belga.

Annunci
Posted by:Miriam

Nata in Brianza, una calda notte di luglio del 1991. Scrivo da quando avevo quattordici anni e nel 2012 ho cominciato questo viaggio che si chiama "E mi alzo sui pedali". Ho pubblicato "Voci di Cicala" nel 2013 e "La menta e il fiume" nel 2015. Mi piace l'estate, i papaveri, il profumo delle foglie di menta e la ninnananna della risacca del lago. A volte scrivo con gli occhi chiusi.

One thought on “Fiandre con sorpresa: l’Italia brilla sotto il sole belga.

  1. Splendido commento! Anch’io, dopo la pedalata mattutrina di 100km, mi “riprendevo”
    sul divano e, guardando la TV, provavo le stesse emozioni . Ballan e Pozzato sono stati grandi ma, forse, si poteva crederci di più e Filippo doveva, a mio avviso, non accettare uno sprint quasi da fermo.
    Grande prestazione, comunque, considerando il suo sfortunatissimo inizio di stagione.
    Una menzione è dovuta, anche, a Fabian Cancellara e alla sua ancor più sfortunata stagione….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...