“We’ll crucify the insincere tonight
We’ll make things right, we’ll feel it all tonight”

(Tonight, tonight ∼ The Smashing Pumpkins)


2Certo che il tempo è bastardo. A modo suo. In fin dei conti è una misura che abbiamo inventato noi, senza sapere che sarebbe stato soggetto ai nostri cambiamenti. Che si sarebbe dilatato o compresso a seconda della nostra felicità o infelicità. Questo anno è volato. E’ questo che si dice di solito. Stavolta è vero. Il duemilaquindici doveva essere l’anno della svolta, l’anno del botto. Non lo è stato. Ci credevo, come tante altre volte. Ero convinta che sarei uscita con il nuovo romanzo, quello che parla di ciclismo, quello che mi ha cambiata mentre lo scrivevo, quello a cui devo una buona dose di consapevolezza: una casa editrice, finalmente una giusta, si era dimostrata entusiasta poi tutto è svanito, come tante cose. Nessuno in questi mesi si è mai preso la briga di leggerlo per intero. E, devo dirlo, quest’anno mi sono arrabbiata parecchio. Con la gente, principalmente. Per le loro migliaia di parole perse nel vento, le loro simboliche pacche sulle spalle, i mi raccomando non mollare che sei brava. Ma se sei figlio di nessuno non vai da nessuna parte. Nessuna raccomandazione, nessun amico degli amici degli amici, nessuna conoscenza. In pratica nessun aiuto.
5Scrivere è un sogno che spezza le ossa anche se lo fa in silenzio. Nessuno sente niente oltre quella barriera fatta di non so che cosa. Forse di indifferenza. O peggio di prese in giro. Perché a scrivere ci vuole l’ispirazione, una cosa di farfalle, di prati in fiori. Ah, no! Niente ma niente di tutto questo nella maniera più assoluta. Scrivere non si può spiegare. E’ già una spiegazione in sé, quella che ti dai quando non capisci più dove stai andando. Scrivere è la stella della sera. Fissa e immobile come le cose importanti. Nella vita contano solo quelle, niente altro è capace di riportarci a galla così.
9
Mi aspettavo di più anche per il blog. Il terzo anno doveva essere per forza un anno speciale. Sono andata dovunque, ho raggiunto partenze e arrivi chissà come. Una volta non ero nemmeno sicura di riuscire a tornare a casa. Ed ero in Toscana. Ma la crescita è stata media e costante. Sempre più gente, sempre più like. Una fantastica community. Ma chiusa lì. I pezzi che scrivevo con più amore o per i quali avevo fatto più fatica erano ultimi nelle statistiche. La verità è che questo fa cadere le braccia, specialmente quando sei una trottola in balia dei chilometri.
7Eppure, anche se questo non è stato l’anno della svolta, è riuscito lo stesso a far emergere un istinto di sopravvivenza che non credevo di avere. Può essere che dal buio non ci esci più, può essere che ti immagini una luce e la insegui. Cercare nuove strade, nuovi modi. Di scrivere ma anche di parlare alla gente. Ho scoperto che novembre può essere più di un piovoso mese a cavallo tra l’autunno e l’inverno. Che i colori alle cose li diamo noi. Ho scoperto che si può scrivere un romanzo in ventisei giorni, viverci dentro, sentire l’adrenalina di scavarsi nuovamente la strada a mani nude. Ho scoperto che c’è qualcosa di unico nei ricordi delle corse che ho vissuto quest’anno che va al di là di tutte le aspettative. Che ogni volta che parlo con un ciclista arrivo ancora un po’ più vicino al cuore di questo sport.

Che abbiamo ricevuto cose belle dalla vita lo scopriamo sempre dopo, a distanza di mesi oppure di anni. Perchè abbiamo bisogno di una visione più completa, più autentica. Alla fine va sempre così: quello che ci era sembrato un piccolo dettaglio risulta essere la chiave di volta. In un’altra vita sono stata di sicuro un pesce per quel legame profondo e ancestrale che sento con l’acqua, ma in questi giorni ho pensato che forse sono stata persino un pilota di Formula Uno. Per quella strana smania di accelerare e uscire di botto dalle curve a gomito a modo mio, pur di non perdere la corsa.
1E’ il primo ultimo dell’anno che passo con in mente propositi precisi. Pochi ma precisi. Decisamente voglio essere più gentile e non arrabbiarmi più per ogni ostacolo, per ogni persona che tenta di dirmi che non ce la farò. Perché è una cosa che non serve. Serve di più rimboccarsi le maniche e andare avanti.
3Non c’è niente che mi aspetti da questo anno. Non ho elementi per desiderare. Forse è giusto così. Fa parte di quello che ho imparato in questo anno. Ho creduto alla gente che mi diceva che avrebbe comprato Voci di Cicala e non l’ha mai fatto. Oppure l’ha comprato e dimenticato in un cassetto. Ho creduto che qualcuno mi volesse bene e non era vero, ho scambiato frasi di altri pensando fossero per me, ed è una cosa che mi succede spesso. Esco dal disincanto proprio come ci sono entrata. D’improvviso. Un po’ fa male, un po’ fa bene.
Non c’è niente che mi aspetti da questo anno.
Di una cosa sono sicura. Ho voglia di rivoluzione.
Hoka Hey, oltre a essere una canzone di Davide Van De Sfroos, era il grido di guerra di Cavallo Pazzo. Me lo tengo come motto da un po’ ma credo che sia anche un grande modo di cominciare l’anno anche se quello vero, per il blog, inizierà con la nuova stagione ciclistica.
Hoka Hey, è un buon giorno per fare qualcosa di nuovo che cambi, anche di poco, il corso della nostra vita. Hoka Hey, è sempre un buon giorno per tentare nuove strade, per ribaltare le carte in tavola. Hoka Hey, è sempre un buon giorno per salpare verso rotte che non avevamo immaginato. I marinai siamo noi. Se avremo coraggio, anche il vento soffierà nelle nostre vele.
Hoka Hey!
4

Annunci
Posted by:Miriam

Nata in Brianza, una calda notte di luglio del 1991. Scrivo da quando avevo quattordici anni e nel 2012 ho cominciato questo viaggio che si chiama "E mi alzo sui pedali". Ho pubblicato "Voci di Cicala" nel 2013 e "La menta e il fiume" nel 2015. Mi piace l'estate, i papaveri, il profumo delle foglie di menta e la ninnananna della risacca del lago. A volte scrivo con gli occhi chiusi.

One thought on “Hoka Hey!

  1. La gioia che ci trasmetti, la passione che condividi, sono beni preziosi che noi apprezziamo e non dobbiamo perdere. Sulle case editrici e le possibiità svanite, dopo ti scrivo.
    Miriam, buon tutto in tutti i minuti del nuovo anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...