Pugili di strada.

C’è un ciclismo che si rialza dopo l’asfalto. C’è un ciclismo che si disinfetta le ferite perché ogni giorno deve ripartire, non c’è pioggia che tenga. Meglio il dolore, meglio il rischio piuttosto che andare a casa. C’è un ciclismo che ha corso anche oggi, invisibile dietro il muro di polemiche sterili. Sterili come quella…

Continua a leggere