Parcheggiata per volere del caso accanto a un muretto dopo una scintilla di stizza. Era la bicicletta di Bradley Wiggins al Giro del Trentino 2012. Per giorni quella Pinarello è stata il centro della compassione dei media e di tutti quelli che ne avrebbero voluta una. E’ toccata la stessa sorte anche in questi giorni alla Giant di Marcel Kittel, scaraventata a terra durante la seconda tappa della Tirreno Adriatico. Occasione dorata per tutti i velocisti che stavano già facendo a spallate per prendere la ruota o il treno buono e arrivare al traguardo a braccia alzate. Kittel è finito a terra, unica vittima di una strada che imboccava una rotonda: quando il gruppo si è aperto, la telecamera lo ha inquadrato sull’asfalto.
Chilometri al traguardo due, possibilità di rientrare e fare la differenza zero. Marcel lo sa e se la prende con la prima cosa che trova, la sua bicicletta: la scaraventa a terra e si sdraia, tenendosi la spalla con una mano, sull’erba di uno spartitraffico. La rabbia. Rabbia di un’occasione persa. E non conta se Marcel Kittel è un campione e le volate, ultimamente, se le mangia quasi tutte lui. Un’occasione è un’occasione per tutti.
Le polemiche arrivano a fiotti.
Sì, perché c’è questa tendenza a trattare i ciclisti come bambini viziati e allo stesso tempo cancellare tutte quelle sbavature dell’essere umano.
Se l’avessi io una bicicletta così” è la frase ricorrente, “non la tratterei in quel modo.
Eppure non ci fermiamo mai a contare quante cose buttiamo noi. E non solo cose. Siamo abituati anche a buttare le persone. Così, senza pensarci nemmeno a fine giornata. Così, magari in un impeto di rabbia, come Kittel con la sua Giant. Buttiamo una marea di cose belle, di sentimenti veri, pensando che nella società del consumismo di oggi ci sia sempre qualcosa che possa rimpiazzare quello che è finito in pattumiera. Buttiamo, senza sapere che non c’è un sostituto per tutto.
La rabbia di Marcel Kittel è la nostra rabbia, lo sfogo per le cose che non vanno nel verso giusto. E l’amore di Marcel è il nostro amore verso quello che ci accorgiamo essere importante.

Stamattina il velocista tedesco ha chiesto scusa alla sua bicicletta con una rosa. Un gesto da gentleman per far vedere a tutti che le polemiche erano inutili, che la faccenda si doveva troncare qui perché con la sua Giant ha voglia solo di vincere ancora. D’altronde il rapporto di un ciclista con la sua bici non potrà mai indagarlo nessuno fino in fondo. Cambia, come il modo di amare. E’ inciso da qualche parte, come le parole scritte coi coltellini sulle cortecce grinzose degli alberi. La scorza se la sono fatta assieme, pedalando e sacrificando tutto sull’asfalto. Si possono permettere anche gli insulti, il fango, i litigi tra loro, come chi ha condiviso tutto e non ha paura di dirsi niente.
No, noi non possiamo interferire. Proprio non possiamo perché in questo mondo di presunti tali, almeno il rapporto tenace e profondo tra la bicicletta e il corridore, bisogna lasciarlo in pace.

Stasera, dopo queste righe sparse, penso che ancora una volta la parola “scusa” risolve molte cose. Marcel e la sua Giant non sono solo gossip per far parlare i social tra una tappa e l’altra: ci ha fatto specchiare in noi stessi, ancora una volta. Le nostre rabbie, le nostre attese, le cadute in mezzo al gruppo e le schiene di chi non si ferma.
Scusarsi è ripartire da capo, insieme. Perché forse è vero quello che dicono in giro: i traguardi si raggiungono più facilmente con qualcuno di speciale vicino. 

 

Annunci
Posted by:Miriam

Nata in Brianza, una calda notte di luglio del 1991. Scrivo da quando avevo quattordici anni e nel 2012 ho cominciato questo viaggio che si chiama "E mi alzo sui pedali". Ho pubblicato "Voci di Cicala" nel 2013 e "La menta e il fiume" nel 2015. Mi piace l'estate, i papaveri, il profumo delle foglie di menta e la ninnananna della risacca del lago. A volte scrivo con gli occhi chiusi.

2 replies on “La rabbia, la bicicletta, l’amore.

  1. Quanta verità in queste parole cara Miriam. Buttiamo le persone, sentimenti, affetti … genitori i figli, figli abbandonano i genitori.

    Il gesto di Marcel Kittel, non mi impressiona che poco. La cattiva azione rimane a chi la compie e le scuse – suggerite per ulteriore clamore – niente sbiadiscono di una rozzezza tutta sua. Denotano, quei gesti di volgarità, personalità non serene anche se si è stati nominati cavalieri dalla Regina Elisabetta, Bradley Wiggins non è di quella nobile compagnia.

    La bicicletta è un mezzo e il ciclista, tramite quei cinque appoggi (tormento dei biomeccanici), diventa un tutt’uno con esso. Il mezzo senza il ciclista è niente. Non importa il valore merciologico, la fibra o il metallo … il rapporto, per i puri a due ruote, è di un affetto che i professionisti non possono avere. Sono stato amico di diversi professionisti, io da appassionato chiedevo della bicicletta, ma niente sapevano. Quella gli davano e quella pedalavano, di forza e d’astuzzia.

    Oggi l’arroganza è dilagante, è segno dei tempi, l’umiltà di un lavoro speso con fatica nelle necessità non esiste più. I ragazzi venuti dal sud e dal sud del mondo, di certo hanno migliore mitezza.
    Vedete un Nairo Quintana, in quelle esternazioni plateali? Oppure uno dei simpatici ragazzi della MTN-Qhubeka?
    Non a caso, gli esempi ripottati, trattano di un inglese e di un tedesco.

    buone cose a tutti
    e grazie sempre Miriam delle tue profonde riflessioni
    Lino

    1. Ciao Lino, come hai letto anche io la penso così riguardo al rapporto ciclista- bicicletta: è intenso, profondo e…diverso da persona a persona. Per questo, personalmente, comprendo il gesto di Kittel: un amore o un’amicizia può conoscere anche momenti burrascosi. E’ umanità anche lasciarsi andare alla rabbia. Magari non è giusto ma è umanità..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...