Annunci
Posted by:Miriam

Nata in Brianza, una calda notte di luglio del 1991. Scrivo da quando avevo quattordici anni e nel 2012 ho cominciato questo viaggio che si chiama "E mi alzo sui pedali". Ho pubblicato "Voci di Cicala" nel 2013 e "La menta e il fiume" nel 2015. Mi piace l'estate, i papaveri, il profumo delle foglie di menta e la ninnananna della risacca del lago. A volte scrivo con gli occhi chiusi.

18 replies on ““Te sigo”

  1. Grazie Miriam, di questa testimonianza di grande umanità.
    Il ciclismo è sport di strada. Grandi campioni stanno tra la gente, il loro vissuto familiare e di umanità lo offrono a tutti. Nelle descrizioni, fatate immagini di grande tenerezza.
    Grazie ancora.

    1. Grazie a te, Lino, perchè mi leggi sempre…Non ho fatto altro che riportare quello che ho sentito oggi: non solo con le orecchie ma anche con il cuore..

      1. Vedi, cara Miriam, le parole d’anima spalmate sul foglio – anche baluginante del monitor – sono le uniche che arrivano “dritte al cuore” come qualcuno ha commentato. E qui non è lo sport che sta in figura, quanto quella fatica genuina di uomini duri ad accendere moti dell’anima ad emozionare specie chi è conoscitore di questa mistica.

        Sì, ti leggo sempre, perchè sin da primo brano, ho intravisto – anche per esperienza – giusta sensibilità, opportuna capacità. Quel tuo “sentire” non è percezione usuale nella quotidianità frastornata che viviamo, dove protagonisti sono la banalità, l’arroganza.

        a presto spero

  2. Miriam, non poteva passare inosservta questa tua splendida testimonianza.. l’ho rubata e postata su Fb… tanti hanno da imparare da queste parole.

  3. ciao non ti conosco e purtroppo devo dire dopo aver letto quelle stupende parole……….complimenti riesci con semplicita a toccare il cuore

  4. Dimenticavo….è proprio affezionato Lino…leggo sempre i tuoi articoli e così i suoi commenti…sempre piacevoli e positivi

    1. Laura…ma grazie. Siamo una famiglia dentro la stessa passione. Parliamo con le stesse parole, del medesimo sentimento. Proporrei di fare un gruppo di riflessione sula gesto ciclistico come poetica della fatica, della solitudine, dello sperdimento in topografie sconosciute…del vincere o meglio del piacere del perdere.

  5. Lino …io capisco proprio poco di ciclismo… non conosco nessuno di loro…ma mi piace

    molto come scrive Miriam ,la passione che trasmette , a volte sembra di essere lì.

    Come nel suo romanzo …coinvolge e ti vien voglia di andare a Spotorno a vedere i

    luoghi che descrive , sembra di sentire il profumo delle buganvillee , emoziona.

    a questo proposito Miriam ….. spero che niente possa cambiare QUESTO tuo

    stile ( chiamiamolo così ) perché ti distingue e parla di te…….

  6. Ho iniziato a leggere il tuo blog da quando me ne hai parlato al Campionato Italiano…piano piano andando a ritroso leggo tutto quello che hai scritto…e devo dire che, per ora, mi piacciono tutti i pezzi che ho letto: hanno tutti qualcosa di particolare, qualcuno mi ha fatto sorridere, altri commuovere, ma tutti hanno dentro qualcosa di speciale che traspare, che è probabilmente la passione che ci metti e la tua capacità di cogliere degli attimi in particolare.

    Come dicevo mi piace tutto quello che scrivi, ma questo pezzo e quello su Diego Rosa sono quelli che al momento mi hanno colpito di più, che mi porto dentro, perchè la cosa che mi piace di più dei ciclisti è la loro umanità e questi piccoli racconti mi fanno sentire più vicina a loro!

    Mi è piaciuto molto anche quello che hai scritto sul Campionato Italiano, probabilmente perchè ho vissuto quei momenti spalla a spalla con te e ho condiviso con te le stesse emozioni e gli stessi pensieri…e mi è piaciuto moltissimo il racconto di Risoul, leggendo mi è sembrato di essere lì sulla strada accanto a te!

    Grazie di cuore per avermi fatto conoscere questo blog, è bellissimo! Spero davvero che le nostre strade si incrocino ancora perchè, per quel poco che ho potuto vedere di te, sei una persona speciale! 🙂

    1. Valentina…grazie, grazie davvero. Mi hai fatto commuovere. Ho sentito l’affetto delle tue parole e sono contenta che il ciclismo mi avvicini a persone belle come te. Certe volte la strada è in salita ma commenti come questi mi danno coraggio! Anche io spero che le nostre strade si incrocino ancora e sono sicura che questo sport ce ne darà presto l’occasione 😉 Grazie ancora!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...